vai alla pagina dei temi
  DIALETTO
A Spza e i s Rion
O Trambai Eletrico
Il Tranvai elettrico e i ...
Nuova pagina 1
  CULTURA
  Musei in Provincia
Artisti in Provincia
Biblioteche
Teatro
 
  VEDI ANCHE
  Santuari delle 5 Terre
Scritti sulla Provincia
Dialetto Spezzino
 
DIALETTO SPEZZINO
 
 
A Spza e i s Rin

 
A Cipa, r Canato, Pegassn,
Fossamstra, Rebco, Cissa Brin,
Migiana, Massta, i Scapssn,
Vaodela, o Trmo, lOrmo con Fabin,

Prta Rca, Antognnae poi r Mzn,
Prta Zna, Maa con Cadam,
Fze, Limn, PagiiMa sta Sit
la gh ci sircondio de Miln!

Ma me, stavta, a vgio fe lelgio
de nrin che ci antigo ne ghe n:
quante memie i drmo ch con te
o vcio, abandon quarto de r Pgio!

Te t visto i Spezn cn de corgio
saltaer Fieschi, ch davanti a r me,
e San Giorgio i spava per fermae
i Pisn chi vegnvo a larembgio

Te t visto alabarde lampeze
e Castrccio, Visconti e i milanesi,
pisn, spagnoli, trchi co i fransesi
Si podsso sti sassi raconte!

Ma o tempo i passa e tto i prta via,
solo r Pgio, da secoli, i l:
onde gha r me la gh nass de c
e n giorno a sento: La ghe st na Sa

Chi la fsse st Sa me a no savvo,
ma la ghaveva n sco de nipoti,
tanti i o zvi, tanti anca veciti,
cn de sprecssi si ne la vedevo


Me, meschinto, a ne savo gnnte
Ma dopo a passegivo en San Giovni
aspetndo davghe desotni
perch la deventsseme pante!

E css er Cle Sacro di Spezn
i visto ch passe geneassin:
che batiche, che vampe demossin
ente r monte dasbrvo st scan!

En fondo a vita l na bla fa
co e se memoie, i smi, e se passin:
en recrdo, en sospoMa come ala
er Pgio i resta sempre r mi Rin!
 

La Spezia ed i suoi Rioni

 
La Chiappa, il Canaletto, Pegazzano,
Fossamastra, Rebocco, Piazza Brin,
Migliarina, Mazzetta, i Cappuccini,
Valdellora, il Termo, l'Olmo con Fabiano,

Porta Rocca, Antognana, il Muggiano,
Porta Genova, Marola con Cadimare,
Foce, Limone, Pagliari...Ma questa citt
ha pi quartiri di Milano!

Ma io, questa volta, voglio fare l'elogio
di un rione che pi antico non ce n:
quanti ricordi dormono con te
o vecchio, abbandonato quartiere del Poggio!

Hai visto gli spezzini pieni di coraggio
salutare i Fieschi,
qui davanti al mare
e San Giorgio che sparava per fermare
i Pisani che venivano all'arembaggio...

Hai visto le
alabarde lampeggiare
e Castruccio, Visconti e i milanesi,
pisani, spagnoli, turchi con i francesi...
Se potessero questi sassi raccontare!...

Ma il tempo passa e tutto porta via,
solo il Poggio, da secoli, la:
dove c'era il mare sono nate delle case
e un giorno sento: Ci sta una zia

Chi fosse questa zia io non lo sapevo,
ma aveva un sacco di nipoti,
tanti erano giovani, tanti anche vecchiotti,
pieni di preoccupazione se non la vedevano...

Io, meschinetto, non ne sapevo niente...
Ma dopo passeggiavo in San Giovanni
aspettando di averci diciotto anni
perch diventasse...mia parente!

E cos il Colle Sacro degli spezzini
a visto passare di qu generazioni,
che batticuore, che vampate di emozione mentre si montava di corsa questi scalini!

In fondo la vita una bella folata
con le sue memorie, i smi e le sue passioni:
un ricordo, un sospiro...Ma come allora
il Poggio resta sempre il mio rione!
 

inizio pagina ^

 

home     |     cerca     |     segnala un sito     |     segnala un evento     |     contatti     |     credits     |     note legali